domenica 12 ottobre 2014

EDUCATION CONFINDUSTRIA: SERVONO SCIENZA E CULTURA UMANISTICA


Troppo spesso dimentichiamo il grande ruolo innovativo che ha rappresentato la creazione della pubblica istruzione nella modernità, come istituzione che, assieme ad altre, collabora a formare la figura del cittadino. Il suo ruolo specifico è di contribuire a tal fine attraverso la creazione di conoscenza secondo standard corrispondenti ai livelli più elevati del momento e nel senso più ampio del termine, il che significa sia fornire conoscenze a tutti i livelli, sia creare senso critico e capacità (oggi si dice “competenze”) di operare attivamente e autonomamente. La divisione in “teoria” (racchiusa in “torri d’avorio” ) e “pratica”, non è mai stata altro che espressione di una cattiva istruzione: la buona istruzione è sempre e soltanto stata quella che si è basata su una stretta integrazione tra i due aspetti. L’ingegnere Luigi Cremona – fondatore con Francesco Brioschi ed altri della grande tradizione dei politecnici ingegneristici italiani postunitari – definì coloro che denigravano la scienza “pura” (oggi si dice “di base”) in nome del principio “a che serve?”, come «apostoli delle tenebre». L’istruzione contribuisce alla formazione del cittadino trasmettendo conoscenza e creando spirito critico e capacità operative autonome come fondamento di libertà. Di questo approccio deve far parte una vigorosa formazione umanistica. È una visione che ha condotto alla costituzione di grandi tradizioni scientifiche e culturali, che è alla base degli sviluppi della tecnologia contemporanea e che permise a un paese inesistente come l’Italia di entrare in pochi decenni nel novero delle nazioni più avanzate sul piano culturale e scientifico-tecnologico.
Tutto questo va ricordato perché troppo spesso si contrappongono conoscenze e “competenze”, lasciando intendere che le prime appartengano a una visione obsoleta, e inducendo menti poco critiche a un’esaltazione premoderna della “didattica delle competenze” contro le discipline e le conoscenze. Il modo superficiale con cui è stata affrontata la tematica dell’istruzione comunitaria non ha aiutato: invece di proporsi il compito difficile di integrare le grandi tradizioni nazionali ai massimi livelli si è scelto di identificare una sorta di minimo comun denominatore corrispondente ai requisiti per lo scambio della forza-lavoro. La dichiarazione di Bologna propose come modello di scambi internazionali nientemeno che le università medioevali, quando questi scambi erano ristretto a poche élite e le università erano centri di teologia, scienze giudiriche e poco più. Le famose otto competenze chiave di Lisbona rappresentano quanto di più mediocre e rinunciatario si potesse pensare per definire il profilo di un cittadino europeo istruito.
Ripetiamo che tutto questo va ricordato nel momento in cui il governo Renzi lancia un manifesto sulla “buona scuola” che dovrebbe costituire la carta da visita con cui il paese si presenta in Europa, ridefinendo i connotati della propria istruzione nazionale disastrata da tanti errori e sperimentazioni avventate. Siamo convinti che ogni riforma che trascuri l’istruzione tecnica e professionale, non curi una formazione scientifica che abbia una seria base teorica e buone esperienze di laboratorio, o tagli la formazione umanistica (storica, filosofica, artistica) non solo per il suo valore intrinseco ma per la sua stretta relazione con un’autentica formazione scientifica, è destinata a combinare l’ultimo e definitivo disastro. Ed è chiaro che il rischio è tutto sull’ultimo fronte: perché sono i licei sotto attacco, è la cultura umanistica a essere additata come un inutile orpello e persino la scienza è salvata a condizione che non sia “pura” ma ridotta a tecnica e “innovazione”.
Questa lunga premessa era necessaria per dire qualcosa circa il documento di quasi 200 pagine (“L’Education per la crescita”) con cui Confindustria è scesa nell’arena con 100 proposte per l’istruzione. È impossibile analizzare in dettaglio in un articolo un documento tanto corposo. Possiamo limitarci a esprimere tre impressioni. La prima è che non può che essere salutato positivamente l’impegno del mondo imprenditoriale ad occuparsi attivamente e con tanto dispendio di forze del tema dell’istruzione. Casomai occorrerebbe segnalare l’impressionante latitanza della cultura italiana, sintomo di una crisi crescente, certamente sintomo dello stato esangue cui è stata ridotta l’università tra tagli e burocratizzazione e una visione sciaguratamente tecnocratica della valutazione. La seconda impressione è che è positivo che qualcuno scenda in campo per difendere il valore della formazione tecnica e professionale, uno dei comparti dell’istruzione tra i migliori del mondo che è stato sistematicamente fatto a pezzi e ridotto a ricettacolo degli studenti che si sentivano incapaci di frequentare i licei. È bene che le imprese, con i progetti di alternanza scuola-lavoro illustrati nel documento, mettano le loro forze a disposizione della riqualificazione della formazione tecnica e professionale. La terza impressione è invece negativa e si ricava per contrasto con la nostra premessa. I temi che il documento propone come assi fondamentali per la rifondazione della “education” sono: domanda delle imprese, alternanza scuola-lavoro, valutazione, merito, autonomia e innovazione didattica. Tutto qui? E dove stanno le discipline fondamentali? Dove sta l’esigenza per un paese che voglia dirsi avanzato di formare anche ottimi fisici, biologi, chimici, matematici, il che significa anni e anni di studio anche teorico, come e più di prima? Dove sta la cultura umanistica, e non solo per formare persone capaci di valorizzare l’immenso patrimonio artistico, monumentale, librario del paese, ma anche per formare persone dotate di spirito critico, capaci di muoversi con autonomia e non come polli di batteria addestrati a una sola funzione, per avere la coscienza di cittadini liberi? Dove sta la cultura? Dove sta la scienza? Davvero si pensa che l’impresa possa avere un ruolo di supplenza in queste direzioni? Oppure si pensa che si tratti di un “vecchiume” da gettare alle ortiche? C’è da temerlo vedendo lo scarso interesse del documento per l’impianto disciplinare, ché anzi si propone una riduzione delle materie e della durata del percorso scolastico, ovviamente a danno dei detestati licei.
Questa non è la via per riproporre l’Italia come un paese di primo piano nel consesso internazionale, capace non solo di bricolage tecnologico al rimorchio delle grandi potenze, ma di sviluppare in sede nazionale – e non espellendo le proprie menti –la scienza e la tecnologia avanzata. Disinteressarsi della cultura umanistica e classica non è la via per rimettere il paese sulla via del progresso. Quel che si chiede a una discesa in campo come quella di Confindustria è l’umiltà di dire che il proprio contributo, in un sistema dell’istruzione degno di un paese moderno e avanzato, può essere soltanto una parte del tutto. Altrimenti si fa avanti il sospetto che il movente sia la solita trovata all’italiana di ridurre il sistema pubblico dell’istruzione a luogo di formazione di forza-lavoro a costo zero.

Vi sarebbero molte altre cose da dire sui temi della valutazione e dell’autonomia, ma ci riserviamo di tornarvi in altra occasione.
(Il Mattino, 12 ottobre 2014)

16 commenti:

Prof. Massimo Rossi ha detto...

Caro prof. Israel, mi congratulo con Lei e sono sostanzialmente d'accordo con tutto ciò che ha scritto; in particolare a me, docente di lingue classiche, fa piacere che un insigne matematico come Lei ritenga ancora importante la cultura umanistica per la formazione del pensiero autonomo e critico.
Un solo punto mi ha lasciato perplesso, quando ha detto che l'Italia, prima dello sviluppo industriale, era un paese "inesistente". Forse non ho inteso bene io, ma le ricordo che la cultura italiana (e con ciò intendo la letteratura, la grande musica, le arti figurative ecc.) ha dominato la scena europea e mondiale dal Medioevo a tutto l'800, e per alcuni aspetti fino ai nostri giorni. Mi perdoni il mio notorio nazionalismo, ma mi sono sentito in dovere di fare questa precisazione.

Giorgio Israel ha detto...

Perdoni anche me se guardo le cose dal punto di vista dell'istruzione. Un paese esiste quando possiede una struttura dell'istruzione unificata e non sparpagliata in tanti staterelli, ognuno con le sue modalità, con un territorio occupato che adottava i manuali austriaci, con uno stato pontificio su cui è meglio stendere un velo pietoso che occupava tutte le regioni centrali, senza università, senza accademie nazionali, ecc. ecc. ecc. Il grande sforzo di uomini di cultura e scienziati italiani fu di studiare i modelli stranieri e di costruire in breve tempo un sistema di istruzione unificato, per esempio adottando Euclide per l'insegnamento della matematica a livello nazionale, creando i grandi politecnici di ingegneria (diretti da persone come Cremona che conoscevano il latino come l'italiano e coltivavano la centralità delle scienze classiche). Prima di questo l'Italia come potenza nazionale sul piano culturale e dell'istruzione era un vaso di coccio, in trent'anni si è collocata in terza posizione dietro Germania e Francia. Il genio dei singoli non basta.

bhrihskwobhloukstroy ha detto...

Una riflessione sulle ultime righe:
"forza-lavoro". Quale e quanto lavoro ha creato la C. negli ultimi decenni? Quando il sistema-Italia funzionava, non era forse la scuola molto più tradizionale, sia essa liceo o istituto tecnico? Non è che questi signori tirano a convertire risorse destinate alla scuola in aiuti statali per sé?

Giovanni Tonzig ha detto...

A proposito di cultura umanistica, nel sito www.giovannitonzig.it sono leggibili alcuni passaggi del rapporto Mortimer: l'impressionante documento con cui nel 1983 un gruppo di scienziati americani sosteneva che nell’odierna società, sempre più dominata dalla tecnologia, la cultura umanistica deve essere più che mai alla base della formazione dei giovani. Nota bene: al documento non è mai stata data in Italia la minima diffusione.

pupipupi ha detto...

Gli Americani lo hanno capito così bene che il libro di S. Greenblatt Il Manoscritto ha vinto il premio Pulitzer 2011: vi si dimostra che il fiorire della scienza europea prende le mosse dalla riscoperta del De Rerum Natura di Lucrezio.
Purtroppo le politiche scolastiche non recepiscono o fingono di non recepire: come se si volesse sottrarre ai giovani la possibilità di accedere direttamente ai classici in nome di una finta modernità senza consistenza.

Giorgio ha detto...

Mi scuso, approfitto di questa pagina, perchè non ho altri riferimenti per contattarla.
Nell'elenco dei firmatari della peizione che ho promosso sugli esami di maturità ho trovato il suo nome, e volevo sincerarmi che non si trattasse di un'omonimia.
Giorgio Allulli

Giorgio Israel ha detto...

Non è omonimia perché mi risulta che l'unico altro Giorgio Israel esistente in Italia non pare affatto interessato ai problemi dell'istruzione. Né è sorprendente perché è del tutto coerente con le posizioni che ho sempre assunto sui temi della valutazione. Sono favorevole ai sistemi di valutazione esterna, assolutamente contrario a questi sistemi di valutazione interna che possono produrre fenomeni addirittura mafiosi, come sono contrario ai sistemi di valutazione con test. E non ho alcun pregiudizio ad aderire agli appelli che condivido, chiunque li promuova. Un cordiale saluto

Giorgio Israel ha detto...

Non è omonimia perché mi risulta che l'unico altro Giorgio Israel esistente in Italia non pare affatto interessato ai problemi dell'istruzione. Né è sorprendente perché è del tutto coerente con le posizioni che ho sempre assunto sui temi della valutazione. Sono favorevole ai sistemi di valutazione esterna, assolutamente contrario a questi sistemi di valutazione interna che possono produrre fenomeni addirittura mafiosi, come sono contrario ai sistemi di valutazione con test. E non ho alcun pregiudizio ad aderire agli appelli che condivido, chiunque li promuova. Un cordiale saluto

Giorgio ha detto...

Ma nia non era sorpresa, perchè conosco la sua attenzione alla serietà della scuola, ma scrupolo, perchè in rete si fa presto a scrivere un nome, ed ho controllato i nomi di tutte le persone note che hanno firmato.
Mi fa piacere che abbia firmato e spero che possa contribuire a diffondere la petizione.
Buona serata

Giorgio Israel ha detto...

Grazie

Andrea Viceré ha detto...

Gentile Professore,

mi ha sorpreso la Sua risposta a Massimo Rossi, nella quale leggo che sull'istruzione universitaria nello stato pontificio è meglio stendere un velo pietoso, e che l'Italia pre-unitaria era prima di università.

Eppure, proprio nello Stato Pontificio lo "Studium" di Bologna conobbe un grande sviluppo anche scientifico, non ostacolato ma anzi sostenuto da papi come Benedetto XIV. Né Bologna fu la sola: Perugia, Urbino, la stessa Sapienza di Roma non furono forse università, ben prima dell'unifità d'Italia?

Del resto, praticamente tutte le grandi università europee (Parigi, Oxford, Bologna) nacquero sotto egida ecclesiastica: tanto che S. Giovanni Paolo II parlava delle università come nate dal cuore della Chiesa (Cfr. Ex corde Ecclesiae).

Ma forse ho inteso male il Suo pensiero.

- Andrea Viceré

Giorgio Israel ha detto...

Certamente erano università anche di alto livello. Ma – non mi fa faccia fare la parte del laicista, ma quel che è giusto è giusto – dove stava questo gran sviluppo scientifico? Nella università medioevali non esistevano facoltà di scienze, nel senso moderno, né si insegnava la filosofia se non come teologia o in subordine alla teologia. E la Controriforma ha peggiorato le cose mettendo all'indice filosofi come Descartes, Spinoza, Leibniz ecc. ecc. ecc. Per cui, in quelle università non si insegnava la scienza moderna, postgalileiana e la filosofia moderna. L'immagine culturale dell'Italia preunitaria a fronte di paesi come la Francia è desolante. Ripeto, non mi va di fare la parte del laicista o addirittura dell'anticlericale, ma che le università siano nate nel contesto del pensiero occidentale cristiano è indubbio, che a un certo punto non siano state più fattori della modernità, è indubbio. E la critica del laicismo non mi conduce ad auspicare un ritorno a una condizione pre-illuministica. In questo sono fermamente "ratzingeriano".

Andrea Viceré ha detto...

Nemmeno io vorrei far la parte del clericale, o tanto meno polemizzare!
Però mi permetto di osservare che a Bologna nel XVII secolo Malpighi studiava i polmoni e la funzione respiratoria; nel XVIII secolo Galvani studiava l'elettricità in biologia e sviluppava le celle elettrochimiche.
Certo, luci e ombre: basti pensare al matematico Cardano che pure insegnò a Bologna ma poi a Roma subì un processo per eresia.
Insomma, sono d'accordo con Lei che non si può paragonare lo sviluppo scientifico italiano pre-unitario a quello di un paese come la Francia.
Ma anche nello Stato Pontificio ci fu chi poté fare della scienza sperimentale, e in questo senso pienamente galileiana.

Giorgio Israel ha detto...

"Pienamente galileiana" mi sembra troppo generoso, tenendo conto che la definitiva riabilitazione di Galileo risale al 1992.... Che il "territorio italiano" abbia avuto grandi scienziati sempre non c'è dubbio, ma, nella modernità, per fare una scienza occorrono libere istituzioni appropriate e una istruzione di livello nazionale, il che si è avuto soltanto dopo l'Unità e non certo con il concorso della Chiesa che si è opposta in tutti i modi. Per fortuna, non abbiamo più bisogno dell'anticlericalismo di quei tempi che fece parlare il celebre matematico Luigi Cremona, nella sua prima inaugurazione dell'anno accademico della Bologna liberata dei massimi nemici della nuova condizione nazionale come "lo sgherro austriaco" e "il livido gesuita". Possiamo anche rivalutare quanto è stato fatto anche prima di quei periodi illuministi. Ma di qui a una rivalutazione totale, fino a dire che dovremmo oggi adottare il modello delle università medioevali ne corre...

pupipupi ha detto...

Mi sembra che l'idea della maturità interna prenda piede: è grottesco, contrario a ogni idea d'esame. Stanno cercando di distruggere la scuola dal di dentro. Tagliano all'istruzione per gettarci briciole monetarie che nessuno ha chiesto. Demagogia postmussolinberlusconiana.

santino ha detto...

Prof. Israel, prima di cambiare la testa dei politici occorrerebbe cambiare quella degli italiani.
Dia un'occhiata a questa discussione:
https://forum.termometropolitico.it/653203-aboliamo-il-liceo-classico.html
Le varie riforme sballate non sono il frutto di clamorosi errori ma sono state un deliberato attacco volto a distruggere la scuola e l'università italiane (e così saranno anche nell'immediato futuro).
Le 101 pagine piene zeppe di deliri che lo ho "linkato" sono perfettamente rappresentative del pensiero dell'italiano medio.
Ma questo è solo il frutto di anni e anni di propaganda e il risultato è che i cittadini (fra cui anche persone diplomate e laureate), a forza di sentirlo ripetere fino alla nausea, si sono davvero convinti che lo scopo della scuola sia quello di fornire competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro (e per questo poco durature nel tempo), a scapito di una solida preparazione di base e di un approccio disinteressato alla cultura umanistica e scientifica che, per loro natura, sono eternamente spendibili.
Ma dove vogliamo andare se la nostra società è piena di persone convinte che studiare i classici e la filosofia o fare traduzioni dal greco e dal latino sia l'inutile vezzo di qualche mente malata oppure che la matematica sia pura tecnica di calcolo, oggi superflua perché c'è il PC?
Non so Lei professore, ma io sono alquanto pessimista sul futuro del nostro paese...