giovedì 29 giugno 2006

Dite quel che volete ma lasciate perdere questa farsa dell’ “equivicinanza”

Quando si iniziò a parlare di “kamikaze”, Luciano Tas scrisse una lettera al Corriere della Sera per dissuadere dall’uso di questo termine improprio. I kamikaze giapponesi erano militari, che si suicidavano contro obbiettivi strettamente militari. Nulla a che fare con gli “shahid” del terrorismo islamico e palestinese. Niente da fare. Tornava comodo dire “kamikaze” e l’uso della parola si è malauguratamente affermato.

Qualcosa di analogo sta per succedere con il termine “equivicinanza” coniato – se ben ricordiamo – da Giulio Andreotti, e che rischia, nelle circostanze presenti, di suonare come una via di mezzo tra una beffa e una pomposa insulsaggine. Difatti, quel che si dimentica sistematicamente di precisare è che, se è concepibile essere “equivicini” al popolo palestinese e al popolo israeliano, essere “equivicini” a un governo democratico e a un’associazione di terroristi – poco importa se eletta: anche Hitler fu eletto – implica una sordità morale la cui inevitabile conseguenza è di schierarsi al fianco della seconda. Casomai non fosse ancora chiaro, proviamo a cimentarci con questa domanda: si può essere “equivicini” a un membro delle Brigate Rosse e ad una sua vittima?

Ma il presente governo è costellato di soloni che, per sostenere la teoria dell’equivicinanza, avanzano ogni sorta di argomenti; e quanto più sono inconsistenti tanto più è reboante la retorica con cui li propongono.

Dichiara Ugo Intini sul Corriere della Sera che Israele non può essere sicuro senza uno Stato palestinese… Tenuto conto di questi chiari di luna e dei figuri che compongono il governo palestinese, un povero di spirito penserà che si tratta di una battuta spiritosa. Ma no. Perché Intini ci spiega che questo lo ha già dimostrato la Storia (con la S maiuscola): si disse per anni che Arafat era il capo dei terroristi e poi ci furono gli accordi di Oslo. Peccato che gli accordi di Oslo siano falliti, che Arafat abbia scatenato la seconda intifada, che abbia esaltato gli assassini di massa degli “shahid” innumerevoli volte (per chi voleva sentire), peccato che era proprio lui il “capo dei terroristi”.

Poi Intini scomoda ancora la Storia (con la S maiuscola) che – ahimé – non insegna mai nulla e invece dovrebbe convincere Hamas a riconoscere lo Stato di Israele “come ha fatto l’Olp di Arafat”. Peccato che l’Olp di Arafat Israele non l’abbia riconosciuto mai, come ancora può constatarsi leggendo la sua carta in rete, e che Israele sia stato così ingenuo da accontentarsi di quattro bofonchiamenti verbali del Rais.

Se ci affidiamo a gente con questa memoria Storica, stiamo freschi. Se per loro “riconoscere” uno Stato significa questo, come stupirsi che accolgano con ammirato fervore il “documento dei prigionieri” che riconoscerebbe “implicitamente” Israele? Dopo più di mezzo secolo, uno stato sovrano che siede all’ONU deve baciare per terra perché un gruppo di terroristi lo riconosce “implicitamente”… E lo riconosce con un documento che serve soltanto a ricomporre le loro fratture interne e ripropone senza varianti il programma di Hamas: una “hudna” lunga in cambio del ritiro sui confini del 1967 e del rientro di 5 milioni di profughi… Poi dopo la hudna, si riprende il discorso sulle briciole restanti…

Questi sono gli “equivicini”. Gli “equivicini” sono persone che dicono che il Muro d’Israele è peggio di quello di Berlino “perché quello era costruito al confine tra i due Stati e questo invece è costruito dentro il territorio altrui”. Salvo il piccolo dettaglio che il muro di Berlino divideva in due lo stesso popolo (tedesco) e la sua capitale, mentre questo divide due popoli diversi. Salvo il piccolo dettaglio che, anche quando il muro passa esattamente sui confini del 1967, c’è chi spara al di sopra di esso missili sulle città israeliane, o vi passa sotto per uccidere e rapire.

Ognuno ha diritto di dire quel che vuole, ma poi si adonti se, autodefinendosi “equivicino”, suscita il riso.


Giorgio Israel

4 commenti:

Nessie ha detto...

Ho letto anch'io la vergognosa intervista di Ugo Intini sul Corriere e mi è preso proprio lo sconforto.
Purtroppo questo governo non si limita ad avere solo dei "soloni" ma dei veri e propri collaborazionisti compromessi col terrorismo. Gli stessi che ai tempi delle BR e della RAF andavano ad allenarsi nei campi profughi palestinesi. E solo Prodi va sparando in giro la fòla che sono dei "folcloristici". E' folcloristico un D'Elia ravveduto finché si vuole, ma che ha ucciso un agente di polizia quand'era in Prima Linea e che ora fa il segretario alla Camera nel partito della Rosa nel Pugno (lo stesso di Intini)?
E' folcloristico Daniele Farina dei centri sociali casseur con 18 capi di imputazione, piazzato lì beffardamente alla Commissione Giustizia?
E' folcloristico Ali Rashid , uomo di Arafat?
O un Diliberto che vuole "la discontinuità" (altra bella parola) con la missione afghana (cioè il "tutti a casa")?
Anche tutta questa brava gente è stata eletta "democraticamente".
In 5 anni, chissà che sfracelli!

Nessie ha detto...

PS: Comunque anche a me questa panzana stratosferica dell'"equivicinanza" fa saltare la mosca al naso. Bisognerebbe inventariare tutte le corbellerie che inventano ogni giorno (compresa "la discontinuità" nei confronti di una legittima guerra contro il terrorismo).

mic ha detto...

E nell'informazione televisiva specchio di questa realtà, non notate la evidente non 'equidistanza' nel continuare a chiamare ripetutamente e soltanto 'colono' (termine quanto meno anonimo, se non indicante una responsabilità di occupazione secondo una certa ideologia) un giovane uomo di 18 anni brutalmente ucciso dai palestinesi?

Nessie ha detto...

Sì, la notiamo. E' quasi un modo per voler far vedere che questa morte è un po' meno importante di un'altra. Siamo sempre al motto sinistrese del "se l'è cercata". Dovrebbero sprofondare di vergogna.